Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Campagna elettorale in poesia / 1 – Giuseppe Coniglio da Pazzano e “ ‘A fabbrica de vuoti”

Regola la dimensione del testo

PazzanoPer tutto il tempo della campagna elettorale verso le  elezioni comunali di Serra San Bruno della prossimo primavera,  mi piace proporre ai lettori della Rivista Santa Maria del Bosco.it alcuni poeti  calabresi che, in lingua o in vernacolo, hanno gridato la rabbia, lo sconforto della gente calabra e meridionale in genere sull’esempio del Tommaso Campanella che da Stilo tuonava: “Stavamo tutti al buio. Altri sopiti/ d’ignoranza nel sonno; e i sonatori/ pagati raddolciro il sonno infame…/Io accesi un lume…”. In questo primo numero propongo Giuseppe Coniglio con la lirica “ ‘A fabbrica de vuoti”. Nato a Pazzano (Rc) il 2 dicembre 1922 da famiglia contadina, bracciante agricolo e successivamente capo operaio forestale, Coniglio ha sempre coltivato la passione per la poesia dialettale. Nel 1973 l’indimenticabile don Mario Squillace, teologo e storico, lo ha stimolato a pubblicare la prima raccolta “Calabria contadina”, a cui seguì qualche anno dopo l’altra silloge “Quattru chiacchieri e ddui arrisi”. Nel 1998 diede alle stampe la voluminosa raccolta “ ‘A terra mia – Poesie della vita”. È stato anche autore di teatro con “Marcu e Filomena”. Non solo poesia, però, anche scultore del legno. È morto a Pazzano nell’aprile del 2006.

 'A fabbrica de vuoti

Esta a fabbrica de vuoti

chi producia l’inflaziuoni

pecchì ogunu assicuratu

e na  certa protezioni

s’acquisiscia lu dirittu

pemmu faci anso chi vola:

l’operaiu facia e sfaci

u maestru on facia scola.

U mpiegatu si nda futta,

basta u vena u ventisetta

a da facci a cu lamija

s’ava a pratica c’aspetta.

Si nci parri ti ricatta

-simu ‘nta democrazia!-

ca si no cangia barritta

e si vota e l’atra via.

E siccuomu ca lu vuotu

e davieru ‘nci disogna,

ca si no pe na purziuoni

si finiscia a mangiacogna,

nudu vola mu sa guasta

tutti quanti hannu ragioni

e i cchiù furbi senza scupoli

fannu sempi li patroni.

Pecchì cca  ‘nta Repubblica

puru si unu on vala nenta

cunta ed è cunsideratu

pe di vuoti che promenta.

Pue trovami a tutti l’anguli

a di posti cchiù ‘mpensati

certi testiciuni e ca…vulu

chi si fannu ammagistrati.

Cu esta c’avaria u si sarva

pecchi on basta u criticara

si de posti responsabili

‘mbiatu cu si po’ scansara.

O ni resta co gridamu:

fessa ormai cu si ripenta

e de pue u legalizzami

u dirittu ‘e fara nenta.

Senza u jamu mu vidimu

comu vena o cuomu fu

ca passami tutti e ruolu

e non si ‘nda parra cchiu.

Rivista Santa Maria del Bosco - 89822 Serra San Bruno. Reg. n. 1/15 Tribunale Vibo Valentia. Copyright © 2019 Rivista Santa Maria del Bosco. Tutti i diritti riservati. Web Designer Marco Calvetta

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni