Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Campagna elettorale in poesia / 10- Mastru Brunu Pelaggi da Serra San Bruno.

Regola la dimensione del testo

“sulu fatiga mu mi ruppu l’ossa…duvi ncappamma nui, povera genti!
E mo chi cazzu mi priedicati pro Calabria?
campagna elettorale mastro bruno pelaggi
Mastru Brunu Pelaggi (Serra San Bruno 1837 – 1912) si può considerare, come molti lo fanno, il precursore della mai risolta “questione meridionale”. Parlare e scrivere di Mastro Bruno, infatti, è di una forte e sconcertante attualità a dispetto del tanto tempo che ci divide. I temi della sua poetica spicciola e senza pretese linguistiche o sintattiche e tantomeno metriche (scalpellino da mattina a anni molti eminenti rappresentanti della letteratura italiana si sono interessati della figura e della poesia dello scalpellino serrese. Tra i tanti, cito Angela Ambrosoli che scrive: “… son passati in silenzio, fino a qualche decennio addietro sconosciuti agli stessi Calabresi, Autori dialettali di grande vigore, interpreti genuini dell’indole e delle civiltà della regione, ma non per questo indegni di essere annoverati in una storia della letteratura italiana. Valga come esempio Mastru Brunu, semplice scalpellino ma voce dialettale di forte protesta sociale che ora si rivolge a Dio, ora alla luna, ora alla Vergine per raccontare le sue condizioni di miseria, comuni a un vasto sottoproletariarato, per stigmatizzare i mali e le ingiustizie, l’eterna infelicità che in molti versi ha accenti leopardiani.” E Umberto Bosco scrive: “…Mastro Bruno non arretra dinanzi a parole energiche ma nel suo testo…esse hanno perduto il loro originario valore greve, talvolta sono intercalari…Tuttavia l’aspetto più interessante di Mastro Bruno non ci è dato da versi di questo genere, ma da altri di diverso tono, come quelli nei quali denuncia la necessità in cui i poveri si trovano a votare secondo la volontà di coloro ai quali “si dici no pierdi lu pani.” Recentemente è stato, finalmente e meritatamente, inserito nello storico e prestigioso Dizionario Encicolpedico della Treccani. Vi sta scritto, secondo il curatore prof. Gabriele Scalessa, che “come la coeva letteratura calabrese in dialetto anche la poesia di Pelaggi risentì degli accadimenti che riguardarono il Meridione. È infatti sulla consapevolezza del ritardo di questo rispetto al resto del Paese che Mastru Brunu scrisse alcuni fra i suoi componimenti più celebri, inseguendo un’idea di letteratura che, scevra da preoccupazioni estetiche e votata piuttosto all’impegno politico-sociale, lo rese una delle voci più significative della poesia in dialetto calabrese fra i due secoli.” Ed ancora. “Pur non poggiando su una piena coscienza storica, è però nella poesia di Pelaggi quello sdegno per l’ingiustizia insita nelle disuguaglianze sociali, vagamente intuita come riconducibile al processo di unificazione.”sera senza voler essere o apparire “poeta” ma semplicemente raccontare a sé stesso e al suo vicinato le “stuori”, come amava definire i suoi componimenti) sono la disperazione, la fame, la povertà, l’inquietudine della povera gente che resta sempre e comunque classe subalterna. In questi ultimi.

Canto disperato Ad Umberto I° re d’Italia

A cu’ tanti dinari nci mandasti
Ed a mia m’assignasti la pacienza?
Vidi cà si la sciancu puoi mi sdiegnu
Ed allu paradisu mancu viegnu!
……………………….
Jio non Ti ciercu nudda cosa grossa:
sulu fatiga mu mi ruppu l’ossa!
Jio nci lu scrissi a Mbertu ed a Vittoriu
E nuddu di li dui mi rispundiru,
ca chiddi bàdan’a li cazzi luoru
e di mia puocu si ndi strafuttiru.
Si tu mi fai mu campu e non mu muoru,
puru allu Papa vuogghiu mu nci scrivu
pimmu nci dicia allu nuostru suvranu
si chist’è propria galateu cristianu!
Lu mutivu pi cui non rispundiru
fu sulu cà circai lavuru e pani;
si sapa ormai ca si ndi strafuttiru
a nui sulu lu nuomu di italiani
la fratellanza ndi la riducìru
mu ndi sbranamu cuomu tanti cani:
ca cu’ s’acchiappa l’uossu e si lu spruppa
e cu’ mora di fami e strafutta.
……………………
Pi nui non ava propria mu nc’è nenti?!
Tu chi di dduoc’assupa tutti vidi
Ndi sienti lamiari e ti la ridi?
Vuria mu sàcciu di chi lu facisti
di chi materia è fattu l’avaruni
Forsi pigghiàsti strunzi e li mungisti
e nci mintisti sucu di limuni;
puoi cu l’ardìchi a muoddu lu mintisti
e stricasti ‘nu piezzu di carvuni.
Duoppu fu tosta sta’ cumbinazziuoni
Tutti l’avari ti cattaru buoni.
Li miegghiu t’arriscìru l’Italiani
Cà su cchiù amanti di la religioni
e portanu lu nuomu di cristiani!
Vannu alla chiesa e fannu cuminiuoni,
picchì lu previti nci’irgia li mani
e nci duna la santa assuluzziuoni.
Puoi d’arrietu si vota e lu saluta:
eccu sarvata l’anima futtuta!
Non crìghiu cà si Tu chi a st’assassini,
a diluviu nci mandi li dinari,
ed a nutri povari mischini,
mancu lu sulu pani ndi vuoi dari!
…………….
E l’operaiu di chi lu facisti,
pi mu sumporta tanti patimenti!?
Quali materia forti nci dunasti
pi mu combatta cu tutti vienti!?
Addutta cu l’avari e l’egoisti
ch’hannu di la tortura li strumienti;
lavora pi sti boja, suda e stenta
e mancu si po’ gurdari di pulenta!
Ndi criasti grandizzi quantu mai
e cu’ poì diri ca non si putenti!?
Ma chista la facisti mala assai:
a cu’ dunasti tuttu e a cu’ nenti.
Lu mundu è miegghiu nuovu mu lu fai,
ca chistu è truoppu fattu malamenti.
Ti priegu fallu buonu, cu n u pattu…
e mina ‘na fhiffhiata e chistu è fattu.

Di sup’a sta’ muntagna
ti jiettu ‘na gridata:
sientila sta’ chiamata
ed ejia priestu.
………
Si buoi mu si aduratu
di tutti li Taliani
spartandi lu pani
e sient’a mia,

ch’è truoppu tirannia
pi nui, povara genti:
a cu’ tuttu a cu’ nenti
non è giustu.
……..
Sempi lavuru e pani
circau lu calabrisi,
ma tu sciali di risi
e cugghiuniji!9
……………
È miegghiu mu nda’ammazzi
ch’è miegghiu mu murimi
chi cazzu lu vulimu
stu’ campari?
……………
Basta…simu Taliani!
-gridamma lu sissanta-
e mo avogghia mu canta
la cicala!
…………….
cu’ è giuvani si la scappa
a Novajorca.

A nuiatri ndi tocca
suffriri e mussu chiusu
e quaci ntra lu pirtusu
di lu culu!.
………………….
Picchì ha’ mu li nascundi
li gridi calabrisi?
Non pagamu li spisi
guali a tutti?

Ma tu ti ndi strafutti
li deputati cchiui:
duvi ncappamma nui,
povara genti!

Non spirari cchiù nenti
Calabria sbinturata:
tu si dimenticata
pi ‘nu tiernu

di Dio e di lu guviernu
e di lu ministeru,
pi ‘na cruci e ‘nu zeru
si stimata

e sulu si chiamata
alli suoliti passi
mu paghi mpuosti, tassi
e nenti cchiui!

Jio mo’ parru cu’ bui,
Ministri e diputati,
chi cazzu mi predicati
pro Calabria?

Cca mai si vida l’arva
sempi simu allu scuru…
……………..
non mbidi ca sta’ genti
ndi castija.

Sempi ndi cugghiunija
a tutti sti pajisi,
ca sgràvanu li spisi
e fannu strati,

e mbeci cchiù gravàti
li spisi e strati nenti
e nui, povara genti,
li cridimu….



Rivista Santa Maria del Bosco - 89822 Serra San Bruno. Reg. n. 1/15 Tribunale Vibo Valentia. Copyright © 2019 Rivista Santa Maria del Bosco. Tutti i diritti riservati. Web Designer Marco Calvetta

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni