Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Campagna elettorale in poesia/ 11 – Giacinto Damiani da Serra San Bruno

Regola la dimensione del testo

“Lu stupidu è in aumentu e assai piriculusu ca fà lu tradituri o cuomu li curnuti, chi alli vutazziuoni, assassinanu l’italia, faciendu l'astinuti.”

Campagna elettorale damianiAltro serrese, poeta per passione sociale, fustigatore e “discipulu” del suo grande Mastru Bruno Pelaggi, è Giacinto Damiani.
Il suo verseggiare presenta una conformazione linguistica preziosa per quel suo dialetto che, seppur contaminato dal quotidiano parlare, raggiunge con più incisività il lettore. Non mancano immagini tra il folclorico e il grottesco che meglio esprimono il suo malessere verso i “troppi ladri e i fannulloni, le troppe ingiustizie e le sperequazioni”. Damiani scrive da sempre: già nel 1956 appare “Cronaca sirrisi”, la prima poesia dedicata al Pelaggi perché, come afferma lo stesso Damiani, “ fui attento a cogliere ciò che voleva dirci, perché l’epoca in cui scriveva, la cultura, la modesta condizione sociale gli impedivano di proporre.”
Ma la vis poetica del buon Giacinto ha preso maggior vigore dal giorno in cui la storica Treccani ha voluto dedicare, nel suo Dizionario Encicopedico, una pagina al nostro Mastru Brunu, al Volume 82 (2015). “Duoppu chi Mastru Brunu/ trasiu ntra la Triccani,/ io mi lu nsunnavi/ e sintiti chi mi dissa./ Risbigghiati, sgadinati l’uocchi/ e li ricchi rivota,/ ca io puozzu parrari/ sulu pi na vota”, così il buon Giacinto non ambisce ad altro che essere l’indegno “discipulu” del “poeta scalpellino” per continuare a lottare contro tanto malaffare dilagante e contro i tanti “nani” politici e cittadini che albergano, ormai, in ogni dove.


Lu partitu di l’astensioni

Varricurdati a Mastru Brunu
mbestialutu, cuntra
avari e avaruni??
chi prigava Gesu’ Cristu,
mu nci fruscia li dinari
e no sulu li cugghiuni??
Mo caru Mastru Brunu
la situazziuoni piggiorau
lu problema è randi assai
pichì alli tiempi vuostri
lu stupidu non ncera.
??? no ncera???
o nommu facia danni
lu tinistivu chiusu,
iuornu e notti, cu li pacci ??
pi anni, anni e anni??
Picchì a nui no ndi risurta,
fi libbra e tistamienti,
ca lu stupidu putia fari,
ne, di sulu, caminari.
Ma mò, disgrazzia nostra
quarcunu truvau li chiavi
e lu turnau ncirculazziuoni.
e mu fa danni, ntutta fretta,
lu cunvinciru , ca si pensa
puoi nci aumenta la bulletta.
Ma puoi ficia corsi scelti,
pimmu è puru deficienti.
e mò esti prisidenti,
di lu primu partitu
chi vincia a ogni turnu.
E si chiama “L’astensione”.
Ma pi disgrazzia nostra
a ogni vutazzione
nci aspetta di dirittu
lu premiu del “coglione”.
Di l’italia è la ruvina.
va a favuri di Germania,
d’America e di Cina.
Mu risorva li problemi
di milioni d’italiani
chi sugnu dispirati,
spingia mu fa vutari
zingari e migrati.
Caru Mastru Brunu
vui chi putiti parrari
Cu què grandi, pi saggezza,
dumandati, pi favuri,
scadiu chida ricetta,
famusa e cunsigghiata
di larrè Salumuni??
chi vulia mu vida murti,
no miedici o abbucati
ma tutti li cazzuni??
Picchì, Italia sbinturata,
lu stupidu è in aumentu
e assai piriculusu
ca fà lu tradituri
o cuomu li curnuti,
chi alli vutazziuoni,
assassinanu l’italia,
faciendu l'astinuti.

Rivista Santa Maria del Bosco - 89822 Serra San Bruno. Reg. n. 1/15 Tribunale Vibo Valentia. Copyright © 2019 Rivista Santa Maria del Bosco. Tutti i diritti riservati. Web Designer Marco Calvetta

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni