Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Campagna elettorale in poesia/12 – Luigi Demme da Scandale.

Regola la dimensione del testo

“A poesia i sa terra tantu ingrata sulu subba li libri aiu liiri?”

scandale crotoneÈ ancor viva la poesia di Luigi Demme (Scandale 1937 – 1977), il poeta che dalla sua pur breve parabola esistenziale seppe e volle offrirci versi autobiografici semplici e fortemente incisivi. Il suo poetare è un disarmante attaccamento agli antichi valori, alla propria terra; una incontaminata purezza di affetti. È un cuore semplice, quello di Luigi, ed io che l’ho conosciuto, seppur per poco tempo, testimonio un cuore dai grandi slanci e dalle autentiche passioni: per i contadini della campagna scandalese, per i bambini della sua scuola, per i giovani ai quali dice “tuo è il mondo di oggi/ ancora tua la realtà di domani/ l’ieri è nulla è tradimento/è incapacità di rivolta.” Pienamente uomo del suo tempo, ha partecipato ai sentimenti di angoscia e dolore dei suoi giorni tirando fuori la grande esperienza di educatore, attingendo a piene mani, mai con superbia, nella sua profonda cultura, una cultura che è andata sempre a braccetto con la sincera e autentica disponibilità verso gli ultimi.


A poesia da terra


Bonasira papà, bonu vinutu,
assettati assa banca apparecchiata,
stenda nu pocu u visu aru surrisu,
doppu a fatiga i s’amara iurnata.

Stasira papà fammi cuntientu
a verità tu sulu ma po diri:
a poesia i sa terra tantu ngrata
sulu subba li libri aiu liiri?

A sira nu ti siantu mai cantari
i jistimi nda fa na litania
a fortuna ti siantu cuntrariari
e nu mi tiani mai mbrazza a tia.

Eppuru, sicundu u libru, si cuntiantu:
mmianzu a ru virdi passi la jurnata,
suanni bona ricota di frumiantu
e l’aciaddri ti fannu a sirinata.

Stenda papà na manu tremolanti
ma posa subba capu timurusu
sta ancora nu pocu titubanti
mo po mi dicia cu tuanu amorusu:

Figghiu quant’è difficili parrari
quandu rumba intri i ricchi lu tratturi
quandu frisca ntra capu a tramontana
quando pisanu ncuarpu li suduri.

A verità però ti l’haiu diri:
a poesia da terra è na bugia
è passatiampu pi ri littirati,
pi chini campa ancora i fantasia.

Rivista Santa Maria del Bosco - 89822 Serra San Bruno. Reg. n. 1/15 Tribunale Vibo Valentia. Copyright © 2019 Rivista Santa Maria del Bosco. Tutti i diritti riservati. Web Designer Marco Calvetta

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni