Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Campagna elettorale in poesia/ 14 Mario Sergio da Rende.

Regola la dimensione del testo

“C’è rraggia, viulenza ed arrivismu  ma Diu Onniputente è già vicinu ccu’llu fuacu ardente e all’intrasattu u munnu è sutterratu!

rende CSScrive Cesare Mulè: “ La sua poesia s’ispira con fluidità all’attualità drammatica del nostro tempo…i suoi molteplici interessi culturali, la qualità della sua poesia e il livello estetico raggiunto lo rendono poeta di risalto nello scenario artistico regionale.” Sto dicendo di Mario Sergio da Rende dove è nato nel 1931.  La poesia che segue  è tutta intrisa dalla percezione di una società presa dalla voglia di annichilimento “ma lu castigu è Diu Onniputente ca vida tant’orrure.”

Sergio è fedele al suo osservatorio dal quale scruta ed osserva gli accadimenti del tempo e, causticamente, ne fotografa, con ampia compartecipazione dei riferimenti. Tutto corre sul graffiante cammino che coglie nel segno di una società ormai legata alla politica paesana, al consumismo, all’arrivismo e alla faciloneria. E tutto una denuncia senza retorica.


A speranza sta muriennu

 Quant’arruganza c’eni ‘ntra stu munnu

e ‘ndifferenza c’ugne jiuarnu avanza

cumu la lava de vurcanu funnu

ca ddruc passa nuddra cosa scanza.

  C’è odiu, ipocrisia ed eguismu,

nun c’è cchiù amure, pace e fratellanza,

c’è rraggia, viulenza ed arrivismu,

nun c’è buntà, perdunu e né ppisanza.

Va ‘mziu ‘nziu muriennu la speranza

E a forza de luttare n’abbannuna,

lu chjantu a faccia surca ccu abbunnanza

e u core disperatu si cunsuma.

  Stamu arrivannu a cchiru giraturu

ca ni perrupa ‘nfunnu a’llu spinaru

addruve c’eni arrasu tantu scuru

ca nun’ci scanza ‘serpe o tupinaru.

Nun s’addimmanna o parra a’lla cuscienza

sta società currotta, pinta e ‘ngrata

e pur’u saggiu à piersu la sapienza

pecchì a meduddra ‘mmente s’è assiccata.

  Ncamatu d’arrivismu arrassusia

nun’trova l’omu cchiù riposamientu

e né si cura de sta malatia

ca l’à ‘rriduttu a’nnu pallun’e vientu.

C’è ppure chine pate ed è  ‘nnucente

Ca viva’ capusutta e disperatu,

ma compassione un c’è ppe cchista gente

ca ciange ccu’llu core ch’è jiaccatu.

  L’amuri è Gesù Cristu hamu zampatu

e a lampa de la fede s’è stutata.

Cainu è abbivisciutu e à ‘simminatu

le spine cchiù amare ad ugne strata,

chi criscianu pungiennu e abbelenannu

l’Abeli c’hannu l’animu pulitu

e sta ‘nfezione i stani stracangiannu

ca lu caminu ‘mparu hanu smarritu.

   Ma lu castigu  è Diu Onniputente

ca vida tant’orrure e un’è asuliatu

è già vicinu ccu’llu fuacu ardente

e all’intrasattu u munnu è sutterratu! 

(da C. Mulè –  la Poesia calabrese contemporanea – Ursini Editore, Catanzaro 1986) 

Rivista Santa Maria del Bosco - 89822 Serra San Bruno. Reg. n. 1/15 Tribunale Vibo Valentia. Copyright © 2019 Rivista Santa Maria del Bosco. Tutti i diritti riservati. Web Designer Marco Calvetta

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni