Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Campagna elettorale in poesia 17 – Pino Perri da Crotone

Regola la dimensione del testo

“ I patri nosti l’hannu fattu e ‘l’ati si l’annu manciata.”
crotone KR“È sul filo della memoria [che] si dipana” la sua poesia, scrive M. Stella Amoruso Mercurio. E ancora,  “ e la memoria, si sa, è la radice  della nostra vita. Il nostro rapporto col tempo: memoria rivissuta, filtrata ma non edulcorata…memoria crudele. Memoria dolce che può aiutare a vivere. Di memoria è tutta ricca la poesia di Pino Perri (Crotone 1949) autore di due sillogi ‘Ntu juri i l’anni e A rua. I suoi versi, che vivono la quotidianità della sua vecchia Crotone appollaiata attorno al castello, si arricchiscono anche di preziose sue pitture e sculture che raccontano di un tempo perduto, di un lavoro duro tra i veleni.  Perri in uno scenario classico ci offre momenti di una quotidianità vivacizzati dall’eloquio dialettale e dai quali ne esce un mondo che ci è caro e che ci riporta ad ambienti in cui tutti noi portiamo dentro i segni di una cultura avita. I versi che seguono lasciano una scia di emozioni e tanta inquietudine ed evocano i luoghi ancora vivi nella memoria. Leggendo nella sua profondità il lettore può notare tanta rabbia per una certa politica che ha fatto morire lavoro e storia.


A Munticatina

Ppì t’arrivàari ccù ‘nnà bricchetta vecchija vinivu,
vinivu ppì nnù muzzicuni i pani e nnà cardar ella i gas, fatigavu
cuntentu, a ra famigghija pinsavu.
Nyà chir’epuca nuddru ti viliva, nuddru ti circava, pirchì i gas
si manciavunu u ficutu, u stommicu, i prmuni.
Oij si comi na canzuna “tutti mi cercano tutti mi vogliono
ma u travagghiju nuddru u va truvannu.
Quannu a sira vena e viju a patrima ca trema, viju a’ttija,
spasulata e malacumminata, ntantu i patri nosti l’hannu fattu
e ‘l’ati si l’annu manciata.

“ I patri nosti l’hannu fattu e ‘l’ati si l’annu manciata.”

 

“È sul filo della memoria [che] si dipana” la sua poesia, scrive M. Stella Amoruso Mercurio. E ancora,  “ e la memoria, si sa, è la radice  della nostra vita. Il nostro rapporto col tempo: memoria rivissuta, filtrata ma non edulcorata…memoria crudele. Memoria dolce che può aiutare a vivere. Di memoria è tutta ricca la poesia di Pino Perri (Crotone 1949) autore di due sillogi ‘Ntu juri i l’anni e A rua. I suoi versi, che vivono la quotidianità della sua vecchia Crotone appollaiata attorno al castello, si arricchiscono anche di preziose sue pitture e sculture che raccontano di un tempo perduto, di un lavoro duro tra i veleni.  Perri in uno scenario classico ci offre momenti di una quotidianità vivacizzati dall’eloquio dialettale e dai quali ne esce un mondo che ci è caro e che ci riporta ad ambienti in cui tutti noi portiamo dentro i segni di una cultura avita. I versi che seguono lasciano una scia di emozioni e tanta inquietudine ed evocano i luoghi ancora vivi nella memoria. Leggendo nella sua profondità il lettore può notare tanta rabbia per una certa politica che ha fatto morire lavoro e storia.

 

 

A Munticatina

 

Ppì t’arrivàari ccù ‘nnà bricchetta vecchija vinivu,

vinivu ppì nnù muzzicuni i pani e nnà cardar ella i gas, fatigavu

cuntentu, a ra famigghija pinsavu.

Nyà chir’epuca nuddru ti viliva, nuddru ti circava, pirchì i gas

si manciavunu u ficutu, u stommicu, i prmuni.

Oij si comi na canzuna “tutti mi cercano tutti mi vogliono

ma u travagghiju nuddru u va truvannu.

Quannu a sira vena e viju a patrima ca trema, viju a’ttija,

spasulata e malacumminata, ntantu i patri nosti l’hannu fattu

e ‘l’ati si l’annu manciata.

Rivista Santa Maria del Bosco - 89822 Serra San Bruno. Reg. n. 1/15 Tribunale Vibo Valentia. Copyright © 2019 Rivista Santa Maria del Bosco. Tutti i diritti riservati. Web Designer Marco Calvetta

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni