sfondo-sito-2019-marrone

Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Gioacchino Giancotti
A+ A A-

Campagna elettorale in poesia/18 – Enotrio

Regola la dimensione del testo

enotrio puglieseNell’andare e venire dall’Argentina alla Calabria,,“frisca e parta lu trenu/ chi vaci a lu cunfinu./ No ndavi calabrisi/ senza chistu distinu’.

Soleva dire: “ Il destino del calabrese è quello di avere sempre pronta una valigia!”  Si può dire che sta tutto qui il lavoro poetico e pittorico del Nostro. Lo si può riassumere in queste scarne espressioni. Pittore di grosso spessore internazione e poeta ci ha lasciato una silloge dal titolo molto significativo: “All’arburi, a li terri, a li cantuni/ a li petri, a li mura chi stricai/ a li strati, a li chjazzi, a li purtuni,/ a li cosi chi chi vitti e chi dassai./ All’amici cchiù vecchji chi restaru/ e a chiji chi partiru o chi tornaru.” Scrive Pasquino Crupi: “ È il paese del Sud, concretamente storico e concretamente rappresentato, che entra nella poesia di […] con tutta la sua vecchiaia e la sua decrepitezza. Tutto il tempo è finito. O meglio tutto il tempo è stato consumato nell’andare e venire e nell’andare ancora verso l’America, verso l’Europa. La storia del Sud è senza sviluppo e senza progresso, e il poeta rinuncia a fare poesia consolatoria, a proiettare nel regno dei fini, cioè nell’avvenire, la speranza del riscatto. Tutto è già accaduto, nulla può accadere. L’unico movimento possibile è quello del treno: ‘Frisca e parta lu trenu/ chi vaci a lu cunfinu./ No ndavi calabrisi/ senza chistu distinu’.” Il nostro poeta è Enotrio Pugliese, più famoso come solo Enotrio, (Buenos Aires 1920 – Pizzo  1989) originario di San Costantino Calabro.
Tutta la sua poesia, come le sue tele, è tutta una continua rappresentazione del dolore, della povertà, dell’emigrazione, del viaggio sofferto, del pianto, dell’abbandono.  Piccolo esempio,  le liriche che seguono, leggiamole.

 

A Merica

Quandu nescivi patrima era a Merica.
Fici u sordatu e patrima era a Merica.
Mi maritai e patrima era a Merica.
Vinnaru i figghji e patrima era a Merica.
Mama moriu e patrima era a Merica.
Aguannu tornau patrima d’a Merica
Pe nommu mori a Merica.


Dui mammi

Eppi dui mammi, comu vozzi Diu:
una mi fici e l’atra mi civau.
A prima mu mi faci moriu,
a secunda u mi crisci s’astutau.

(da P. Crupi – Storia della letteratura calabrese. Ed. Periferia, Cosenza 1997)

M. Stirparo
La nuova rubrica, "la campagna elettorale in poesia", è a cura del prof. Mimmo Stirparo

Domenico Calvetta
Marco Calvetta
Tucci revisioni auto

Banner radioserra98

Gioielleria Franco VInci
Pizzeria ristorante da nonna Mariangela
Banner VNU VV

The Best Bookmaker Betfair Review FBetting cvisit from here.

Traduttore

Italian English French German Spanish

Donazione

Amount:


Seguici su facebook

Articoli più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ …

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ Guardate meglio il Vostro orologio…adesso mi credete?”

Hits:40148|VISITE Franco Inzillo - avatar Franco Inzillo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Hits:19542|VISITE Sharo Gambino - avatar Sharo Gambino

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuz…

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuzza…una diatriba per denaro e potere!

Hits:12285|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Hits:9600|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

La mia terra spogliata di tutto dal 1860…

La mia terra spogliata di tutto dal 1860 ad oggi!

Hits:9402|VISITE Antonio Nicoletta - avatar Antonio Nicoletta

Rivista Santa Maria del Bosco Registrazione n. 4/10 c/o Tribunale di Vibo Valentia Cellulari 349 3091092 - 339 1808248 - 0963 72109 Email: rivistasantamariadelbosco@gmail.com - All Right reserved © Rivista Santa Maria del Bosco | Web Designer: Marco Calvetta | marcocalvetta@gmail.com

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni