sfondo-poste-crhistmas4

Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Redazione online

Domenico-Calvetta
Direttore: Avv. Domenico Calvetta
Pubblicista, Coordinatore.

Marco-Calvetta1
Responsabile testata online: Marco Calvetta
Gestore tecnico e Grafico della rivista.

Tra i primi collaboratori Online

Mimmo Stirparo
Prof. Mimmo Stiparo (Crotone)

ceravolo tonino
Prof. Antonino Ceravolo (Serra S. Bruno)

Girolamo-onda
Prof. Girolamo Onda (Serra S. Bruno)

Francesco-Pisani
Francesco Pisani (Montreal)

Giuseppe-Calzone
Avv Giuseppe Calzone (Mileto)

Users User iconRedazione Online

Gioacchino Giancotti
A+ A A-

Cenni su Ettore Majorana.

Dimensione del testo

einaudiimajoranaEttore Majorana, penultimo dei cinque fratelli, nacque a Catania il 5 agosto del 1906 da Fabio Massimo Majorana e da Dorina Corso. Ettore rivelò una precocissima attitudine per la matematica, svolgendo a memoria calcoli complicati fin dall'età di 5 anni e inoltre si dedicò allo studio personale della fisica, una disciplina che lo affascinava sin da piccolo. Ettore terminò le elementari e successivamente il ginnasio presso il collegio "Massimiliano Massimo" dei gesuiti a Roma. Nel 1921 anche la famiglia si trasferì a Roma, ed egli continuò a frequentare l'istituto Massimo come esterno per il primo e terzo anno presso l'istituto Torquato Tasso, e nella sessione estiva conseguì la Maturità Classica. Una volta terminati gli studi Liceali Ettore si iscrisse alla facoltà di Ingegneria e fra i suoi compagni di corso vi erano il fratello Luciano ed Enrico Volterra. Le ipotesi che sono state fatte sulla scomparsa di Ettore Majorana, apparte il suicidio, seguono soprattutto tre filoni: quello Tesdesco, quello Argentino e quello Monastico. L'ipotesi tedesca suppone che egli sia tornato in Germania per mettere le sue conoscenza e le sue intuizioni a disposizione del Terzo Reich, e che dopo la seconda guerra mondiale sia emigrato in Argentina. L'ipotesi argentina si fonda su tracce, reperite da Erasmo Recami, di una sua presenza a Buenos Aires, specie intorno agli anni Sessanta. Secondo una terza ipotesi, sposata soprattutto da Leonardo Sciascia nel suo libro " La scomparsa di Majorana", egli si sarebbe rinchiuso nella Certosa di Serra San Bruno, per sfuggire a tutto e a tutti, nel momento che non sopportava la vita sociale.

Sull'argomento consigliamo il libro del serrese Girolamo Onda (Lomorandagio) dal titolo: L 'Angelo che custodiva gli atomi.


chiara fazzari Chiara Fazzari 1 A -  Istituto L. Einaudi Serra San Bruno - (Articolo a cura della professoressa Carmen Vona)

Traduttore

Italian English French German Spanish

Donazione

Amount:


Gioielleria Franco VInci

The Best Bookmaker Betfair Review FBetting cvisit from here.

Rivista Santa Maria del Bosco Registrazione n. 4/10 c/o Tribunale di Vibo Valentia Cellulari 349 3091092 - 339 1808248 - 0963 72109 Email: rivistasantamariadelbosco@gmail.com - All Right reserved © Rivista Santa Maria del Bosco | Web Designer: Marco Calvetta | marcocalvetta@gmail.com

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni