Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Serra San Bruno | Il Viale della Certosa... ed altro

Regola la dimensione del testo

Viale certosa serra san brunoE’ il fiore all’occhiello della cittadina di Serra San Bruno, l’anello di congiunzione tra essa ed il monastero di Santo Stefano che ospita i monaci certosini. Da sempre caratterizzato dalle imponenti piante di pioppo che lo costeggiano e rendono piacevole il percorrerlo specialmente nei mesi estivi quando i rami pieni di foglie si intrecciano e filtrano i raggi del sole. Col tempo però le maestose piante, assolutamente prive di manutenzione e cura, esposte sia agli agenti atmosferici che all’incuria umana, si stanno diradando e quel maestoso viale sta diventando sempre di più una comune strada di transito nemmeno ben curata con asfalto precario e pista pedonale(se così può chiamarsi) piena di polvere e pietre. Ma perché deve avvenire questo!! perché non si fa nulla per evitare la fine del viale, eppure la sua sopravvivenza è importante per tutta la comunità serrese e non solo dal punto di vista sentimentale. Non è certo bello, quando si alza il vento oppure piove e fa maltempo, vedere posto all’inizio del viale un segnale di divieto di transito per il pericolo della caduta di rami, certo ciò è necessario per evitare qualche disgrazia ma sarebbe pure opportuno ed importante formare una squadra di operai specializzati che stabilmente si occupi della salvaguardia e della salute delle piante, della loro manutenzione, della loro sostituzione quando necessaria, della loro integrazione. Si potrebbe cioè salvaguardare il viale ed allo stesso tempo dare lavoro a padri di famiglia che magari sono in cassa integrazione o peggio ancora completamente disoccupati. Nella nostra cittadina poi, le alberature stradali caratterizzano non solo il viale della certosa ma tante altre vie e versano tutte in condizioni precarie, per citarne alcune: via Vittorio Veneto, che parte dallo stabile che ospitava la Pretura per arrivare sino alla fontana della Scorciatina; via Alfonso Scrivo, che parte dalle scuole elementari e sale fino ad oltre l’ospedale; la strada che dalla Certosa porta a Santa Maria del Bosco….; ci sono poi parchi, giardini, aiuole e spazi verdi come: San Rocco, Guido, Via Fiume, la Scorciatina, il parco delle rimembranze, quest’ultimo ormai quasi completamente spogliato di alberi e verde, che non versano neanche loro in buone condizioni e devono essere salvaguardati e non eliminati. Perdere tutto questo patrimonio è cosa molto grave e non ha senso per nessun serrese cercare giustificazioni trovando dei capri espiatori, la responsabilità, infatti, ricade su tutti, perché il bene comune deve essere salvaguardato da tutti e nessuno può tirarsi da parte, ogni scelta, ogni attività, ogni cambiamento, che provengano dal pubblico o dal privato, bisogna fare in modo che coincidano sempre con la salvaguardia del paesaggio, delle caratteristiche naturali del territorio, che non distruggano quello che per tanti anni ha costituito e costituisce ancora la caratteristica dei nostri luoghi. Chiudiamo per un attimo gli occhi e cerchiamo di immaginarci Serra senza il viale della Cerosa, senza gli altri viali, senza le località “Guido” e “Scorciatina” senza il Parco di San Rocco, certamente non vedremmo una bella immagine, certamente non saremmo contenti. Già vedere così, abbandonati a se stessi, questi luoghi e deplorevole, figuriamoci non averli per niente, forse pensiamo che ciò non potrà mai avvenire eppure piano piano sta già avvenendo e se non si cambia registro, se non si corre ai ripari fra pochi anni tutto sarà perduto. Qualche articolo fa mi sono occupato del parco e della Chiesetta di San Rocco, aimhè, sono passati diversi anni, ma la situazione non è affatto cambiata anzi è peggiorata e nessuno fa niente per farla cambiare, le scuse sono tante, non è chiaro a chi appartenga quel luogo (forse adesso si), non è chiaro chi deve provvedere a sanare la situazione, una cosa però è chiara, quel luogo (come tutti gli altri di cui abbiamo parlato) appartiene almeno moralmente a tutti i serresi e tutti dobbiamo darci da fare perché non muoia.

Rivista Santa Maria del Bosco - 89822 Serra San Bruno. Reg. n. 1/15 Tribunale Vibo Valentia. Copyright © 2019 Rivista Santa Maria del Bosco. Tutti i diritti riservati. Web Designer Marco Calvetta

Top Desktop version

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni