sfondo-poste-mailexpress-may2018

Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Redazione online

Domenico-Calvetta
Direttore: Avv. Domenico Calvetta
Pubblicista, Coordinatore.

Marco-Calvetta1
Responsabile testata online: Marco Calvetta
Gestore tecnico e Grafico della rivista.

Tra i primi collaboratori Online

Mimmo Stirparo
Prof. Mimmo Stiparo (Crotone)

ceravolo tonino
Prof. Antonino Ceravolo (Serra S. Bruno)

Girolamo-onda
Prof. Girolamo Onda (Serra S. Bruno)

Francesco-Pisani
Francesco Pisani (Montreal)

Giuseppe-Calzone
Avv Giuseppe Calzone (Mileto)

Users User iconRedazione Online

Gioacchino Giancotti
A+ A A-

Reduci di guerra | Carmelo Stilo: “Non scorderò mai quell'orrenda carneficina…..”

Regola la dimensione del testo

Carmelo Stilo
Nasce a Condofuri(RC) il 09.02.1922 ma vive a Serra San Bruno sin dal 1953 felicemente sposato con una donna serrese. Trascorre i primi 20 anni della sua vita nel suo paese natio assieme ai genitori ed ai suoi sei fratelli e quel periodo ricorda ben volentieri e con nostalgia, anche se i tempi non erano belli ma ciò nonostante lui viveva tranquillo cercando di trovare ed imparare un mestiere che gli consentisse da grande di vivere serenamente. Nel gennaio dell'anno 1943, però, anche per lui arriva la chiamata alle armi ed il giorno 18 dello stesso mese deve partire con destinazione Treviso. Da qui, dopo neanche quattro mesi di permanenza e addestramento, assegnato alla Divisione “Macerata”, viene mandato in Croazia prima in un città e poi in un'altra entrambe situate sicuramente nelle Regioni Alpine ma delle quali non ricorda con precisione il nome. In questo Paese, dove a seguito dello scoppio del conflitto quasi tutti gli uomini giovani e meno giovani sono confluiti nelle file dei Partigiani, il compito che assieme agli altri suoi commilitoni gli viene assegnato, è proprio quello di scovare ed arrestare questi combattenti. Ma la cosa non è certo facile, tutt'altro, nessun Croato infatti aiuta la nostra armata in questa missione ed anche quelle poche persone che in un modo o nell'altro si spacciano per amici e confidenti, devono sempre essere presi col beneficio d'inventario perché spesso e volentieri non sono altro che infiltrati nemici, con il compito ben preciso di scoprire e riferire le nostre mosse e strategie ai loro connazionali combattenti. Ciò nonostante il nostro soldato ed i suoi commilitoni, superando anche le grosse difficoltà causate dall'inclemenza del tempo e da un equipaggiamento sicuramente inadatto ed insufficiente, rastrellano continuamente il territorio loro assegnato rimanendo spesso fuori dal campo per periodi superiori ai 60 giorni e costretti ad accamparsi alla meno peggio in luoghi impervi e sconosciuti, affrontando con immenso coraggio il pericolo assai alto delle imboscate. Certo i risultati ci sono, in quanto tanti combattenti nemici vengono scovati ed arrestati ma a caro prezzo, in quanto le perdite tra le nostre file sono molte a causa degli scontri feroci dovuti soprattutto al fatto che mentre i nostri cercano di catturare vivi i nemici, questi ultimi aggrediscono soltanto per uccidere o essere uccisi. Un episodio in particolare colpisce Carmelo, un episodio talmente cruento e feroce che lascia in lui un segno indelebile che ancora oggi, nonostante il lungo lasso di tempo intercorso da allora, non riesce a scacciare dalla sua mente. Durante l'intervista, nel raccontarlo, per ben tre volte si ferma con la
voce commossa e le lacrime agli occhi. Nel corso di uno dei tanti rastrellamenti il suo battaglione, mentre sta percorrendo una valle, viene sorpreso ed attaccato dai combattenti nemici che ivi gli tendono una tremenda imboscata. E' un attacco ben preparato che evidenzia inconfutabilmente la perfetta conoscenza che gli avversari hanno dei nostri movimenti. Sono posizionati sulle alture che fiancheggiano la vallata ben attrezzati e con l'artiglieria ben posizionata, al passaggio dei nostri fanno fuoco a volontà ed è una carneficina i morti si contano a decine, non c'è possibilità di difesa, non c'è scampo, bisogna soltanto ritirasi e cercare di limitare le perdite. Carmelo vede i suoi compagni cadere colpiti da ogni parte ma non demorde ed alla fine, aiutato anche dalla buona sorte, riesce a salvarsi ed a raggiungere il campo. A causa dell'inclemenza del tempo (neve, freddo e ghiaccio) solo dopo 15 giorni si riesce a tornare sul posto per raccogliere i corpi dei caduti ma ivi giunti si scopre una cosa orrenda, non degna di chi combatte una guerra da qualunque parte esso stia, i Croati non si sono accontentati di uccidere ma hanno anche spogliato i cadaveri portandosi via equipaggiamento ed indumenti e lasciando quei corpi senza vita nudi sul posto. Terribile…. unico conforto, diciamo così, per i nostri è quello di essere riusciti a raccogliere tutte le salme dei caduti e di aver dato loro una degna sepoltura in un cimitero del luogo. Con le lacrime agli occhi Carmelo ribadisce: “non scorderò mai quell'orrenda carneficina, quei giovani corpi massacrati, denudati e lasciati lì a marcire nel fango e nella neve”. Dopo quasi due anni di Croazia viene rimpatriato ed in treno, assieme ad altri compagni, portato a Fiume(PN) ma qui la situazione è ormai fuori controllo, nessuno sa che ordini impartire e per di più i Tedeschi, che battono ritirata, pretendono da lui e da tutti gli altri soldati Italiani la consegna delle armi. Non trovando alcun punto di riferimento, assieme ai commilitoni, decidono di non fermarsi e proseguire per Trieste e questa decisione sicuramente evita loro di essere fatti prigionieri. Giunti a Trieste, esausti, senza soldi e senza viveri, vengono calorosamente accolti dai triestini che li portano nelle loro case, li rifocilano, li fanno riposare e danno loro abiti puliti e borghesi. Dopo qualche giorno di riposo sempre a piedi riparte, assieme ad altri commilitoni meridionali, alla volta della Calabria, il viaggio è lungo e pesante, si segue costeggiandola la linea ferroviaria sperando così di accorciare il tragitto ed evitare pattuglie nemiche, si mangia soltanto la frutta (soprattutto uva e angurie) che si trova nelle campagne e nei campi che si attraversavano. Dopo circa 31 giorni di cammino arriva a Reggio Calabria dove si ferma, accolto calorosamente da suoi parenti che ivi vivono, il tempo necessario per mangiare qualcosa e riposarsi un poco. Riparte quindi, sempre a piedi, per Condofuri e quando arriva con grande gioia riabbraccia il padre, la madre e le cinque sorelle non trova il fratello Bruno che apprende essere prigioniero in Grecia(anche lui poi rientrerà a casa). Essendo ancora militare si presenta poi presso la locale Stazione dei Carabinieri per mettersi a disposizione. Viene mandato per svolgere servizio di ordine pubblico prima a Catanzaro Lido, poi a Crotone, poi ancora a San Giovanni in Fiore, quindi a Serra San Bruno. Con la firma dell'Armistizio che da lì a poco arriva, finisce la sua avventura militare ma continua il suo rapporto con Serra San Bruno dove tutt'ora vive assieme alla sua famiglia.

Domenico Calvetta
Marco Calvetta
Hotel Valeria
Tucci revisioni auto

Banner radioserra98

Gioielleria Franco VInci
Muzzi Bruno autoricambi e gomme
Banner VNU VV

The Best Bookmaker Betfair Review FBetting cvisit from here.

Traduttore

Italian English French German Spanish

Donazione

Amount:


Seguici su facebook

Articoli più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ …

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ Guardate meglio il Vostro orologio…adesso mi credete?”

Hits:39669|VISITE Franco Inzillo - avatar Franco Inzillo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Hits:19067|VISITE Sharo Gambino - avatar Sharo Gambino

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuz…

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuzza…una diatriba per denaro e potere!

Hits:9982|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

La mia terra spogliata di tutto dal 1860…

La mia terra spogliata di tutto dal 1860 ad oggi!

Hits:8880|VISITE Antonio Nicoletta - avatar Antonio Nicoletta

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Hits:7761|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

Rivista Santa Maria del Bosco Registrazione n. 4/10 c/o Tribunale di Vibo Valentia Cellulari 349 3091092 - 339 1808248 - 0963 72109 Email: rivistasantamariadelbosco@gmail.com - All Right reserved © Rivista Santa Maria del Bosco | Web Designer: Marco Calvetta | marcocalvetta@gmail.com

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni