sssssssssssssssssssss

Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Redazione online

Domenico-Calvetta
Direttore: Avv. Domenico Calvetta
Pubblicista, Coordinatore.

Marco-Calvetta1
Responsabile testata online: Marco Calvetta
Gestore tecnico e Grafico della rivista.

Tra i primi collaboratori Online

Mimmo Stirparo
Prof. Mimmo Stiparo (Crotone)

ceravolo tonino
Prof. Antonino Ceravolo (Serra S. Bruno)

Girolamo-onda
Prof. Girolamo Onda (Serra S. Bruno)

Francesco-Pisani
Francesco Pisani (Montreal)

Giuseppe-Calzone
Avv Giuseppe Calzone (Mileto)

Users User iconRedazione Online

Gioacchino Giancotti
A+ A A-

Antiche tradizioni calabresi | Un antico rito legato al periodo quaresimale, “A Corajisima”.

Regola la dimensione del testo

Corajiesima bambola
Dopo le baldorie e le scorpacciate del martedi grasso che volevano la morte di Re Carnevale, in molti centri calabresi, fino a non molto tempo fa, ma a dir la verità, ancora in uso in qualche luogo, apparivano qua e là delle curiose, e a volte inquietanti, bambole di pezza penzolanti da balconi e finestre.
Corajesima, ossia la vedova di Carnevale, vestita a lutto, che indicava la Quaresima.
Una bambola di pezza, rudimentale tempo fa, e più curata oggi, vestita di nero, poggiava su una patata o un agrume dove erano conficcate sette penne di gallina; sei uguali e una di colore diverso. In mano un fuso che simboleggiava lo scorrere dei giorni verso la Pasqua ed alcune, anche con una collana di fichi secchi o altro. Le sette penne simboleggiavano le domeniche quaresimali e ogni domenica, dopo la messa, se ne staccava una, lasciando per ultima quella di colore diverso. Lo stesso, ogni domenica veniva levato un fico secco o quello che c'era sulla collana, in genere, roba mangiareccia che indicava il digiuno della quaresima.
In passato era preso molto in considerazione, il digiuno quaresimale.
Corajiesima bambola1
Gli adulti stavano molto attenti a non "cammararsi" (fare peccato mangiando carne il venerdi) e facevano di tutto per proibirlo anche ai bambini. Per distoglierli dalle tentazioni, anche dolciarie, che erano inutili, usavano impaurire i bambini dicendo loro che Corajesima avrebbe preso loro, " i cannarozza" (la gola) per bollirla e mangiarsela.
Molti bambini sono cresciuti con quell'assurda paura...
Il giorno di Pasqua, la bambola veniva bruciata sul davanzale dove poggiava, in segno di buon augurio, portandosi via tutte le negatività.
Fortunatamente, col tempo, la bambola di pezza dalle sembianze inquietanti, é andata scomparendo dalle vie.
Oggi se ne vede qualcuna in giro, ma é più un ritorno folkloristico. Un attaccamento alle tradizioni, tralasciando al passato, le usanze superstiziose che hanno accompagnato e segnato la vita dei nostri nonni.

Scatti realizzati da Nerofumo Production 

Traduttore

Italian English French German Spanish

Donazione

Amount:


Banner radioserra98

I più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Hits:18950 Sharo Gambino - avatar Sharo Gambino

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuz…

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuzza…una diatriba per denaro e potere!

Hits:9339 Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

La mia terra spogliata di tutto dal 1860…

La mia terra spogliata di tutto dal 1860 ad oggi!

Hits:8782 Antonio Nicoletta - avatar Antonio Nicoletta

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Hits:7455 Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

Gioielleria Franco VInci

The Best Bookmaker Betfair Review FBetting cvisit from here.

Rivista Santa Maria del Bosco Registrazione n. 4/10 c/o Tribunale di Vibo Valentia Cellulari 349 3091092 - 339 1808248 - 0963 72109 Email: rivistasantamariadelbosco@gmail.com - All Right reserved © Rivista Santa Maria del Bosco | Web Designer: Marco Calvetta | marcocalvetta@gmail.com

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni