sfondo6-mail-express-christmas-2018-19

Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Redazione online

Domenico-Calvetta
Direttore: Avv. Domenico Calvetta
Pubblicista, Coordinatore.

Marco-Calvetta1
Responsabile testata online: Marco Calvetta
Gestore tecnico e Grafico della rivista.

Tra i primi collaboratori Online

Mimmo Stirparo
Prof. Mimmo Stiparo (Crotone)

ceravolo tonino
Prof. Antonino Ceravolo (Serra S. Bruno)

Girolamo-onda
Prof. Girolamo Onda (Serra S. Bruno)

Francesco-Pisani
Francesco Pisani (Montreal)

Giuseppe-Calzone
Avv Giuseppe Calzone (Mileto)

Users User iconRedazione Online

Gioacchino Giancotti
A+ A A-

Giuseppe Maria Pisani, ultimo artista serrese.

Regola la dimensione del testo

Giuseppe maria pisani
Questo articolo viene scritto in omaggio al nostro illuste compaesano Giuseppe Maria Pisani che tutti conoscono ad eccezione delle nuove generazioni che non l’hanno mai incontrato, se non altro perché da molti anni vive fuori Serra. Lo spazio ristretto del giornale mi costringe a concentrare le mie osservazioni in poche righe senza tuttavia rinunciare ad illustrare la sua singolare figura.

Classe 1927, vive a Soverato da più di trent’anni dove ancora le sue manine preziose, guidate da una mente lucida e fantasiosa, riescono a disegnare e a modellare opere di una certa valenza artistica. L’ho raggiunsi per telefono. Prima mi rispose il nipotino poi Lui. Con cadenza lenta, tonalità suadente e solita umiltà, mi informò, dopo i convenevoli, che ancora sta lavorando a due opere di scultura. Alla sua cara Serra non stà venendo perché ha problemi di deambulazione. Mi disse pure che segue la nostra rivista dove spesso trova articoli sulle tradizioni e vecchie foto che riesumano un passato che non dovrà mai essere cancellato. Alla fine della conversazione rimase gratificato e contento del mio contatto via etere che denota l’attenzione del giornale verso di Lui solo “per meritocrazia” e non altro. Ma chi è veramente Giuseppe Maria Pisani? Nel suo sangue scorre una vena artistica e secolare che ebbe inizio dai suoi antenati diretti che vissero ed operarono a cavaliere tra tardo illuminismo e romanticismo, come Giuseppe Tommaso Pisani ( 1734 – 1806 ), Stefano Pisani ( 1750 1878 ) e Venanzio Pisani ( 1800 – 1878 ). Per ultimo suo nonno che si chiamava come Lui ( 1851 – 1923 ), allievo dell’illustre Maestro Domenico Morelli, docente all’Accademia delle Belle Arti di Napoli.

Non conobbe nessuno di questi suoi antenati ma il Dna gli fu trasmesso per quanto concerne l’abilità nel disegnare, comporre e  plasmare una scultura. Frequentò invece gli artisti serresi del 900’, ultimi bagliori di una stagione irrepetibile  che ancora in vita gli indicarono la via da percorrere, come i pittori Gaetano Barillari ( 1886 – 1956 ) e Vincenzo Minichini ( 1886 – 1954 ) e lo scultore del legno Salvatore Tripodi ( 1992 – 1977 ). Tuttavia nei confronti dei suoi predecessori e contemporanei, pure essendo con loro in parziale osmosi da un lato, dall’altro non ebbe mai un ruolo ancillare, Lui, al contrario, sempre volto nell’afflato di emulare la sua originalità nei loro confronti e seguendo sì le loro preziose tracce ma mantenendo la sua autonomia di giudizio, di pensiero e di azione.

Serra è disseminata delle sue opere sacre nei siti più importanti ed esse, ancora oggi, destano interesse e curiosità culturali nei confronti di studiosi e semplici visitatori. Tuttavia per capire meglio il personaggio Pisani è necessario citare  e per quel che consente lo spazio, commentare  qualcuna delle sue opere scultoree quasi tutte volte a cogliere l’universale attraverso il particolare. Esse sono il risultato di un’amalgama ben definito tra fantasia e tecnica. Le forme attingono ad un repertorio di accennati tocchi tra barocco e manierismo ma il suo estro e creatività fanno lievitare  la loro intrinseca organicità e fanno scorrere in esse la vita reale.

 Nel 1953, ancora giovane e nello stato aurorale della sua carriera, si cimentò anche a fare l’architetto nella località dove si sviluppò il primo insediamento bruniano, dimostrando al pubblico dotto il suo gusto estetico e riuscendo a coniugare  la simbiosi tra Natura ed intervento umano, senza l’inserimento di elementi di disturbo che potessero, in qualche modo, alterare la visione suggestiva del sito certosino. Quando ancora a S. Maria del Bosco, vi era solo una salita di terra battuta contornata da erbacce e rovi per giungere al Santuario regionale, Lui trasformò quella zona ancora selvaggia in opera ammirabile in tutta Italia. Disegnò l’attuale scalinata con al centro l’obelisco in granito. Mi ricordo che quando cantò Katia Ricciarelli insieme al nostro Franco De Leo e ci fu pure una sflilata di moda, qualche giornalista a livello nazionale, preso dalla suggestione del luogo, paragonò la nostra scalinata a quella di Trinità dei Monti a Roma!

Nel 1961 disegnò e realizzò la porta di bronzo della nostra chiesa Addolorata; nel 1979 scolpì la statua di San Bruno a Toronto; nel 1991 realizzò l’altra statua di San Bruno attualmente posta nella piazza del municipio della nostra cittadina. Di quest’ultima ebbe a dire il  grande Francesco Messina “ E’ un capolavoro di sintesi”. La Statua bronzea presenta al visitatore un San Bruno plasticamente effigiato, triste e pensieroso. Fu inaugurata dall’allora Cardinale Martini, Primate di Milano e candidato papabile. Da non trascurare  altre due opere bronzee, appartenenti ad una collezione privata collocate nella villa Bertucci-Neri a Davoli. Il primo mezzobusto rappresenta la figura del compianto alto magistrato Gino Ierace, benefattore di tanti serresi, in meditazione, con un libro semiaperto nelle mani; mentre la seconda statua è quella di San Bruno che dorme ( assomigliante a quella  del dormitorio di S. Maria ) dove si detona uno studio fisionomico dettagliato del viso. Il santo dorme  in un sonno profondo appoggiando la testa sulla dura roccia. Predominano in questa sua opera, i volumi mossi e aperti; la sinuosità sdraiata del corpo e della tonaca; la composizione dinamica e movimentata; la combinazione di materiali diversi e la continua ricerca di effetti suggestivi.  Realizzò pure il busto bronzeo del grande Mattia Preti nel Museo Nazionale di La Valletta ( Malta ) e così via; la sua vita insomma, fu costellata di tante altre opere e riconoscimenti prestigiosi che è impossibile elencare in poche righe, ma che si invitano coloro che hanno interesse e sensibilità artistica di approfondire il suo curriculum più completo su internet.

Fra cent’anni, quando non ci sarà più Lui, rimarrà il vuoto nel nostro comprensorio, con solo alcuni artigiani ( nulla da togliere ad essi…) che con le loro opere pure belle ma mediocri, ad eccezione di pochissimi, fanno credere ai molti, anche attraverso scritti compiacenti e apologetici, che sono artisti ma in effetti non lo sono. L’Arte è un’altra cosa. Ma davvero essa è morta o continuerà a vivere anche dopo la stagione dei Grandi?

Visita la  nostra nuova pagina "Galleria d'Arte" ---> Clicca qui

N.B: Le foto delle opere riportate in questa pagina sono state estrapolate dal seguente sito http://www.artistipisani.it/

Domenico Calvetta
Marco Calvetta
Hotel Valeria
Tucci revisioni auto

Banner radioserra98

Gioielleria Franco VInci
Muzzi Bruno autoricambi e gomme
Pizzeria ristorante da nonna Mariangela
Banner VNU VV

The Best Bookmaker Betfair Review FBetting cvisit from here.

Traduttore

Italian English French German Spanish

Donazione

Amount:


Calendario articoli

Dicembre 18
L M M G V S D
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Seguici su facebook

Articoli più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ …

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ Guardate meglio il Vostro orologio…adesso mi credete?”

Hits:39864|VISITE Franco Inzillo - avatar Franco Inzillo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Hits:19279|VISITE Sharo Gambino - avatar Sharo Gambino

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuz…

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuzza…una diatriba per denaro e potere!

Hits:11138|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

La mia terra spogliata di tutto dal 1860…

La mia terra spogliata di tutto dal 1860 ad oggi!

Hits:9119|VISITE Antonio Nicoletta - avatar Antonio Nicoletta

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Hits:8552|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

Rivista Santa Maria del Bosco Registrazione n. 4/10 c/o Tribunale di Vibo Valentia Cellulari 349 3091092 - 339 1808248 - 0963 72109 Email: rivistasantamariadelbosco@gmail.com - All Right reserved © Rivista Santa Maria del Bosco | Web Designer: Marco Calvetta | marcocalvetta@gmail.com

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni