sfondo-poste-mailexpress-may2018

Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Redazione online

Domenico-Calvetta
Direttore: Avv. Domenico Calvetta
Pubblicista, Coordinatore.

Marco-Calvetta1
Responsabile testata online: Marco Calvetta
Gestore tecnico e Grafico della rivista.

Tra i primi collaboratori Online

Mimmo Stirparo
Prof. Mimmo Stiparo (Crotone)

ceravolo tonino
Prof. Antonino Ceravolo (Serra S. Bruno)

Girolamo-onda
Prof. Girolamo Onda (Serra S. Bruno)

Francesco-Pisani
Francesco Pisani (Montreal)

Giuseppe-Calzone
Avv Giuseppe Calzone (Mileto)

Users User iconRedazione Online

Gioacchino Giancotti
A+ A A-

Pasqua in Calabria | Il rito dei "Vattenti", i 'fedeli penitenti' che si flagellano le gambe.

Regola la dimensione del testo

nocera

Il rito dei 'vattienti' è un rito calabrese che si svolge nella settimana Santa di Pasqua, tra venerdì santo e sabato santo, a Nocera Terinese in provincia di Catanzaro, nel quale durante la processione alcuni tra fedeli si autoflagellano battendosi le gambe con pezzi di vetro fino a farle sanguinare in segno di penitenza e espiazione dei peccati.
Il rito, che risale al Medioevo, fu da prima praticato dai monaci all’interno dei conventi e successivamente si diffuse anche all’esterno coinvolgendo il popolo che iniziò a praticarlo come una vera e propria funzione religiosa, non per autopunirsi ma per partecipare simbolicamente al sacrificio e alla sofferenza di Cristo, castigando la carne con il 'cardo' e con “la rosa”, due “strumenti presenti durante questa particolare cerimonia.
Il primo è un disco di sughero sul quale sono infissi tredici pezzetti di vetro acuminati chiamati “lanze”, tenuti saldi alla base da una mistura fatta con cere vergini. I tredici pezzetti di vetro rappresentano Cristo con i tredici apostoli compreso anche Giuda che sarà rappresentato come traditore dal pezzo piu’ sporgente rispetto agli altri dodici e di conseguenza il piu’ doloroso che trafigerà la carne del vattente.
Il secondo strumento utilizzato è chiamato “la Rosa” e consiste in un disco di sughero di circa dieci centimetri per tre lavorato su una faccia, che serve a ripulire il sangue che fuori esce dopo la flagellazione.
Poco prima della processione della statua della Madonna Addolorata, i flagellanti si disinfettano le gambe con un infuso fatto con aceto e rosmarino, poi iniziano a vestirsi indossando un paio di pantaloncini per lasciare libere le gambe, una maglietta nera, mentre la testa viene coperta da un panno nero e da un ramo di 'sparaconga' (un asparago selvatico) rigirato sul capo per formare una corona.
Ciacun “vattiente” è legato con una cordicella all’Ecce-Homo (un compagno) che sta alle spalle del flagellante, e che a sua volta veste con un semplice panno rosso che parte dalla vita e scende fino alle caviglie, anch’esso indossa una corona fatta da ramoscelli con spine lunghe e aguzze, chiamata “spina santa” e impugna una croce rivestita di nastro rosso per simboleggiare il sangue di Cristo che scorre dalle ferite.
Iniziata la processione il flagellante inizia a battersi le gambe con il “cardo” e successivamente usa “la rosa” per asciugarlo. Una volta che “la rosa” è imbevuta di sangue, viene portata sul petto dell'Ecce-Homo. Poi insieme insanguinati percorrono le vie del paese fermandosi davanti ad alcune abitazioni e ricevendo del vino che viene versato sulle ferite e utilizzato come disinfettante. Infine per completare il rito i due uomini si avviano verso la statua della Madonna Addolorata, dove una volta fatto il segno della croce il vattiente si inginocchia, si flagella e scioglie o rinnova il voto fatto.

Domenico Calvetta
Marco Calvetta
Hotel Valeria

Banner radioserra98

Gioielleria Franco VInci
Banner VNU VV

The Best Bookmaker Betfair Review FBetting cvisit from here.

Traduttore

Italian English French German Spanish

Donazione

Amount:


Seguici su facebook

Articoli più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ …

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ Guardate meglio il Vostro orologio…adesso mi credete?”

Hits:39647|VISITE Franco Inzillo - avatar Franco Inzillo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Hits:19039|VISITE Sharo Gambino - avatar Sharo Gambino

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuz…

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuzza…una diatriba per denaro e potere!

Hits:9846|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

La mia terra spogliata di tutto dal 1860…

La mia terra spogliata di tutto dal 1860 ad oggi!

Hits:8859|VISITE Antonio Nicoletta - avatar Antonio Nicoletta

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Hits:7697|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

Rivista Santa Maria del Bosco Registrazione n. 4/10 c/o Tribunale di Vibo Valentia Cellulari 349 3091092 - 339 1808248 - 0963 72109 Email: rivistasantamariadelbosco@gmail.com - All Right reserved © Rivista Santa Maria del Bosco | Web Designer: Marco Calvetta | marcocalvetta@gmail.com

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni