sfondo6-mail-express-christmas-2018-19

Rivista Santa Maria del Bosco - Serra e dintorni

Redazione online

Domenico-Calvetta
Direttore: Avv. Domenico Calvetta
Pubblicista, Coordinatore.

Marco-Calvetta1
Responsabile testata online: Marco Calvetta
Gestore tecnico e Grafico della rivista.

Tra i primi collaboratori Online

Mimmo Stirparo
Prof. Mimmo Stiparo (Crotone)

ceravolo tonino
Prof. Antonino Ceravolo (Serra S. Bruno)

Girolamo-onda
Prof. Girolamo Onda (Serra S. Bruno)

Francesco-Pisani
Francesco Pisani (Montreal)

Giuseppe-Calzone
Avv Giuseppe Calzone (Mileto)

Users User iconRedazione Online

Gioacchino Giancotti
A+ A A-

Pasqua in Calabria | Il rito dei "Vattenti", i 'fedeli penitenti' che si flagellano le gambe.

Regola la dimensione del testo

nocera

Il rito dei 'vattienti' è un rito calabrese che si svolge nella settimana Santa di Pasqua, tra venerdì santo e sabato santo, a Nocera Terinese in provincia di Catanzaro, nel quale durante la processione alcuni tra fedeli si autoflagellano battendosi le gambe con pezzi di vetro fino a farle sanguinare in segno di penitenza e espiazione dei peccati.
Il rito, che risale al Medioevo, fu da prima praticato dai monaci all’interno dei conventi e successivamente si diffuse anche all’esterno coinvolgendo il popolo che iniziò a praticarlo come una vera e propria funzione religiosa, non per autopunirsi ma per partecipare simbolicamente al sacrificio e alla sofferenza di Cristo, castigando la carne con il 'cardo' e con “la rosa”, due “strumenti presenti durante questa particolare cerimonia.
Il primo è un disco di sughero sul quale sono infissi tredici pezzetti di vetro acuminati chiamati “lanze”, tenuti saldi alla base da una mistura fatta con cere vergini. I tredici pezzetti di vetro rappresentano Cristo con i tredici apostoli compreso anche Giuda che sarà rappresentato come traditore dal pezzo piu’ sporgente rispetto agli altri dodici e di conseguenza il piu’ doloroso che trafigerà la carne del vattente.
Il secondo strumento utilizzato è chiamato “la Rosa” e consiste in un disco di sughero di circa dieci centimetri per tre lavorato su una faccia, che serve a ripulire il sangue che fuori esce dopo la flagellazione.
Poco prima della processione della statua della Madonna Addolorata, i flagellanti si disinfettano le gambe con un infuso fatto con aceto e rosmarino, poi iniziano a vestirsi indossando un paio di pantaloncini per lasciare libere le gambe, una maglietta nera, mentre la testa viene coperta da un panno nero e da un ramo di 'sparaconga' (un asparago selvatico) rigirato sul capo per formare una corona.
Ciacun “vattiente” è legato con una cordicella all’Ecce-Homo (un compagno) che sta alle spalle del flagellante, e che a sua volta veste con un semplice panno rosso che parte dalla vita e scende fino alle caviglie, anch’esso indossa una corona fatta da ramoscelli con spine lunghe e aguzze, chiamata “spina santa” e impugna una croce rivestita di nastro rosso per simboleggiare il sangue di Cristo che scorre dalle ferite.
Iniziata la processione il flagellante inizia a battersi le gambe con il “cardo” e successivamente usa “la rosa” per asciugarlo. Una volta che “la rosa” è imbevuta di sangue, viene portata sul petto dell'Ecce-Homo. Poi insieme insanguinati percorrono le vie del paese fermandosi davanti ad alcune abitazioni e ricevendo del vino che viene versato sulle ferite e utilizzato come disinfettante. Infine per completare il rito i due uomini si avviano verso la statua della Madonna Addolorata, dove una volta fatto il segno della croce il vattiente si inginocchia, si flagella e scioglie o rinnova il voto fatto.

Domenico Calvetta
Marco Calvetta
Hotel Valeria
Tucci revisioni auto

Banner radioserra98

Gioielleria Franco VInci
Muzzi Bruno autoricambi e gomme
Pizzeria ristorante da nonna Mariangela
Banner VNU VV

The Best Bookmaker Betfair Review FBetting cvisit from here.

Traduttore

Italian English French German Spanish

Donazione

Amount:


Calendario articoli

Dicembre 18
L M M G V S D
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Seguici su facebook

Articoli più letti

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ …

Fatti straordinari: NATUZZA MI DISSE: “ Guardate meglio il Vostro orologio…adesso mi credete?”

Hits:39861|VISITE Franco Inzillo - avatar Franco Inzillo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Il lungo calvario di Natuzza Evolo

Hits:19273|VISITE Sharo Gambino - avatar Sharo Gambino

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuz…

Inchiesta su Paravati | Il caso di Natuzza…una diatriba per denaro e potere!

Hits:11110|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

La mia terra spogliata di tutto dal 1860…

La mia terra spogliata di tutto dal 1860 ad oggi!

Hits:9116|VISITE Antonio Nicoletta - avatar Antonio Nicoletta

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Il mistero della foto di Padre Jarek.

Hits:8533|VISITE Domenico Calvetta - avatar Domenico Calvetta

Rivista Santa Maria del Bosco Registrazione n. 4/10 c/o Tribunale di Vibo Valentia Cellulari 349 3091092 - 339 1808248 - 0963 72109 Email: rivistasantamariadelbosco@gmail.com - All Right reserved © Rivista Santa Maria del Bosco | Web Designer: Marco Calvetta | marcocalvetta@gmail.com

Questo sito utilizza cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca su “Maggiori Informazioni” e leggi l’informativa completa. Cliccando sul tasto “Accetto” acconsenti all’uso dei cookies. Maggiori Informazioni